Titulo

Bosozoku "Tribù della velocità sfrenata"



Bosozoku è il termine che indica una sotto-cultura giovanile della società giapponese
Il termine potrebbe essere tradotto con “tribù della velocità spericolata”.
Bosozoku sono gang di motociclisti che, la notte, scorazzano per le vie di grandi e piccole città provocando disturbi di vario genere. Le loro attività principali sono: produrre una alto rumore, suonare il clacson, zigzagare nel traffico, urlare impropreri ai passanti. procedere anche a bassa velocità provocando così disturbo al traffico. Naturalmente sono presenti anche azioni più violente come il danneggiamento di auto, l’aggressione con spranghe, mazze da baseball, spade di legno.





Cosi come tutte le sotto culture nasce dal basso e dai giovani che vogliono esprimere il loro disagio, ma se fatto dai giovani può avere un senso, se invece come ormai accade sono degli uomini adulti da l'impressione di parodie di un mito passato, dove loro interpretano un teatrino che è poco credibile e a nulla vale il loro atteggiarsi da duri con espressioni da cattivi, non sono per niente convincenti. Sia l'abbigliamento che le loro moto sono esagerate e ostentate oltremodo, un pò come se vivessero in un fumetto manga stile Akira ...o forse è una strategia di attacco difesa. Infatti in natura gli animali meno forti utilizzano qualunque mezzo per incutere timore nell'avversario, come  colori sgargianti, pelo folto, nella speranza di non dover combattere
Questo è un fenomeno tutto giapponese, ma a pensarci bene nel mondo delle 2 ruote tanti sono quelli che interpretano un ruolo, come in una pantomima... forse anche per volersi aggrappare a un giovinezza che ormai è fuggita ma che si vuole ancora trattenere.

E alla fine diventano anche patetici, un po come quelli che vanno in giro ancora con i pantaloni di pelle sulle loro Harley sognando di essere Peter Fonda nel film Easy Rider , o ribelli Rockers che sfidavano la morte correndo lungo la North Circular, che ostinatamente continuano a vestirsi e a pettinarsi come quando erano giovani.


Ma se gli anziani sono un pò patetici i peggiori sono i giovani che fanno finta di essere come i loro nonni tentando un vero salto nel tempo che non li rende per niente credibili, facendoli sembrare abbigliati come se fosse sempre carnevale. 

Per conoscere meglio questo fenomeno ecco un estratto di un articolo che lo spiega in ogni suo aspetto. 

Nacque nell’immediato dopoguerra. A quel tempo era chiamato Kaminari zoku (Il termine Bosozoko apparve negli anni’70 ed ebbe origine dai media).
Negli anni ’50, grazie anche a film americani come “Gioventù bruciata”, si affermò, tra i giovani under 20, questa passione per le moto e per la spericolatezza.
I componenti delle bande erano ragazzi, di bassa estrazione sociale, tra i 16 e i 20 anni; prima dei 20 anni, ancora legalmente non possono guidare l’auto, ma solo la moto.
Partecipare a queste bande, per i giovani, era una forma di ribellione e di denuncia del loro disagio sociale.
I Bosozoku sono tradizionalmente legati ad ambienti di estrema destra: con la loro vita spericolata e le folli corse in moto, con disprezzo per le autorità, i “bikers” si credevano gli eredi morali dei piloti kamikaze; anche il loro modo di vestire (tute, abbigliamento militare, stivali, hachimaki) richiamava la figura dei piloti suicidi. Le moto, poi, erano ornate di simboli militari e dalla bandiera imperiale giapponese in uso durante la guerra.


Gli anni ’80 e ’90 videro il punto più alto della diffusione del fenomeno Bosozoku.
Nel 1982 erano 42.510 i motociclisti affiliati alle centinaia di bande sparse per tutto il Paese. A favorire questo boom, anche una certa accondiscenza da parte della polizia le cui auto, spesso, si limitavano a seguire le bande, per evitare degenarazioni.
Di solito, dopo i 20 anni, i ragazzi uscivano dalle bande per entrare nelle file della Yakuza. Per la mafia giapponese, il Bosozoku era un’importante fonte di reclutamente di nuove leve.
Caratteristica del Bosozoku erano le moto. La moto, di grossa cilindrata, veniva pesantemente personalizzate, e illegalmente truccata. Accessoriata con l’aggiunta di simboli vari, spesso di tipo militare. All’originaria moto, venivano aggiunti elementi derivanti dal chopper americano e dal cafè racer inglese. Tocco finale era l’aggiunta di una verniciatura con colori brillanti.

Con il nuovo millennio il fenomeno del Bosozoku entrò in grave crisi. Secondo i dati in mano alla polizia, nel 2011, gli affiliati erano solo 9.064, il punto più basso mai raggiunto. A Tokyo il numero è sceso da 5.300 (1980) ad appena 119 (2012).
Due furono i principali motivi di questo calo: un atteggiamento meno accondiscendente da parte della polizia e la crisi economica del Paese.
Nel 2004 venne approvata una legge che dava alla polizia maggiori poteri per contrastare queste bande di teppisti. L’uso di telecamere facilitò il compito di identificare i motociclisti colpevoli di azioni di vandalismo o anche solo di aver violato il codice stradale. Partecipare alle scorribande, non era più quasi esente da rischi, come negli anni d’oro del Bosozoku.
Inoltre, c’è la crisi economica.

Comprare quelle grosse moto, personalizzarle pesantemente, acquistare l’abbigliamento necessario, richiedeva uno sforzo economico non da poco. Oggi, gli stati medio bassi della società, non si possono più permettere queste spese. Nonostante la crisi, le bande motociclistiche esistono ancora, ma sono una versione “light” di quelle che erano negli anni ’80 e ’90. A causa della crisi, le grandi moto sono state sostituite da scooter, meno accessoriate, e l’abbigliamento è quello casual.

Oggigiorno le bande sono anche più rispettose della legge e si limitano a scorazzare di notte per le strade limitandosi, magari, a fare un po’ di rumore.
Adesso, più che di Bosozoku, bisogna parlare di Kyushakai: bande, anche femminili e composte anche da adulti, i cui membri, non più ribelli disadattati, accomunati dalla passione per le moto, rifiutano qualasiasi accostamento con la criminalità.

No comments

La libertà di opinione verrà rispettata sempre, nei limiti della legalità. Qualora si ravvisino commenti offensivi ovvero in violazione di una qualsiasi normativa in vigore, il commento verrà cancellato ma conservato (con il relativo indirizzo ip di pubblicazione) per una eventuale azione legale.

RocketGarage Design. Powered by Blogger.