Titulo

Risorgimento fiorentino | Honda CBX550 F2


Che la passione per i motori fosse qualcosa di genetico che si trasmette da padre in figlio, e' un concetto che molti ritengono attendibile e il caso di Luca sembra confermarlo.
Luca sfruttando il form disponibile ci ha inviato le foto della sua Honda CBX 550 F2 ed è sempre un piacere dare spazio ai lettori che lavorano con passione sulle proprie moto.
Questa è la sua storia di come ha trasformato questa media giapponese in una bella cafe racer.




Mi chiamo Luca Sereni, sono un ingegnere e insieme a mio padre Alberto siamo appassionati di moto vintage. Viviamo in Toscana in provincia di Arezzo.
La passione di mio padre per le motociclette è iniziata negli anni '70 prima con le Lambrette poi con un Honda CB450 Twin, ma era rimasta dormiente fino al giorno in cui ho finalmente ottenuto la patente per la moto, ricevendo una Cagiva Planet 125.




Nel 2016 mi sono regalato per il mio compleanno un Honda CBX550 F2 del 1983, l'ho voluta tenere inizialmente cosi come casa madre Honda l'ha fatta, poi negli ultimi 6 mesi in base alle mie indicazioni è stata trasformata a Firenze culla del rinascimento da "FirenzeMotorcycle".



La mia idea per il CBX550 era una classic racer con tutti i tradizionali elementi di stile café racer come una posizione bassa e leggermente in avanti, linee rette, una carena vintage e semimanubri.



Ho deciso di mantenere lo scarico 4 in 2 cromato, per il gruppo ottico anteriore ho scelto un classico faro da 20cm e per enfatizzare la parte frontale un cupolino da corsa anni '70.
Nella parte posteriore la moto è stata personalizzata con un codino fatto a mano nel quale è stato integrato il faro a led per una finitura super pulita ed unica, la sella è stata personalizzata con vera pelle di colore nero, fatta da un tappezziere locale "BFTappezzerie".



Come indicatori di direzione ho voluto utilizzare quelli della Motogadget gli m.blaze pin, probabilmente i più piccoli indicatori certificati sul mercato in questo momento, installati per quanto riguarda la parte posteriore come elemento di tenuta dei fianchetti, mentre per quella anteriore sotto la carenatura.



Inoltre è stato sostituito il mono posteriore con il mono di un Honda Hornet 900, il CBX era meccanicamente sano quando abbiamo iniziato a rimettere tutto insieme.
In termini di colore, volevo andare con uno schema monocromatico particolare, l'idea era la vettura da corsa Lotus 43 progettata da Colin Chapman per la stagione 1966.



 Il motore e lo scarico sono stati verniciati in nero e argento, abbiamo aggiunto delle decalcomanie
"Honda CBX" in oro e rosso, a completare il tutto sono stati realizzati dei dettagli in oro su tutto lo sviluppo della moto. Infine i cerchi sono stati verniciati di colore nero con pneumatici Metzeler Classic Lasertec.










No comments

La libertà di opinione verrà rispettata sempre, nei limiti della legalità. Qualora si ravvisino commenti offensivi ovvero in violazione di una qualsiasi normativa in vigore, il commento verrà cancellato ma conservato (con il relativo indirizzo ip di pubblicazione) per una eventuale azione legale.

RocketGarage Design. Powered by Blogger.