Titulo

Guzzi 010 "Santino"


La moto appartiene alla famiglia Conti da tre generazioni, da anni nel dimenticatoio fino a quando Alessandro ed il padre Valentino decidono di ridargli una nuova vita affidandola al Fiftyfive Garage. Il nome dato alla moto è quello di Sante Conti, il nonno di Alessandro nonchè iniziale proprietario, meglio conosciuto come "Santino"...sul serbatoio è aerografata la sua firma. Su Santino, funanbolo delle due ruote, come tutta la famiglia del resto, ci sarebbe molto da dire...ma al momento ci soffermeremo sulla moto... La base è una Motoguzzi Idroconvert 1000 del 1982, il risultato finale è l'interpretazione da parte di Francesco di Fiftyfive Garage del pensiero di Alessandro e Valentino, attuali proprietari della moto.


Il mezzo non è stato oggetto di restauro totale, in quanto si voleva mantenere l'aspetto vissuto di una moto conservata, la meccanica è stata comunque oggetto di revisione e di ottimizzazione a partire dal blocco motore, la frenata da integrale è stata riportata tradizionale come sulle moto più recenti, le sospensioni ritarate, le nuove gomme dunlop, il notevole risparmio di peso ottenuto dalla lavorazione e l'ottimizzazione di motore rendono la moto più gustosa da guidare...Partendo dal telaio, esso è stato accorciato nella parte finale, sfruttando i fori per gli indicatori di direzione posteriori, dopodichè sono stati saldati supporti e fissaggi dedicati per la nuova sella ed il serbatoio. Quest'ultimo è realizzato a mano partendo da una lastra di alluminio, lucidato a specchio, monta tappo a scatto e vi sono aerografati i loghi del customizer, anche i fianchetti di colore nero opaco sono dipinti a mano, la sella è in pelle invecchiata con trapuntatura a rombi sulla seduta realizzata da artigiano locale come le manopole ricoperte con la stessa pelle con cucitura stile "volante" e la copertura della strumentazione. 




Anche i parafanghi sono in alluminio. La strumentazione è composta da singolo strumento centrale, con le 3 spie essenziali "tricolore", unico commutatore devioluci sul manubrio e chiave e tasto start sulla piastra di sterzo. Il manubrio è montato "rovesciato" per ottenere una posizione intermedia fra i semimanubri ed il classico manubrio e conferisce all'avantreno, insieme al grosso fanale Guzzi ed al parafango con rispettivi supporti old stile un aspetto molto accattivante. I cerchi a raggi sono verniciati in polvere color nero opaco come gli steli della forcella. Monta pedane pilota arretrate Tarozzi e pedane posteriori passeggero sempre in alluminio ricavate dal pieno reclinabili. I carburatori dell'orto opportunamente tarati montano filtri a trombetta. Gli scarichi sono stati realizzati artigianalmente. Specchio minimal in acciaio, frecce integrate anche all'anteriore e fanalino, anch'esso minimal, montato sul piccolo parafango posteriore. La moto è frutto di passione e diversi mesi di lavoro...



No comments

La libertà di opinione verrà rispettata sempre, nei limiti della legalità. Qualora si ravvisino commenti offensivi ovvero in violazione di una qualsiasi normativa in vigore, il commento verrà cancellato ma conservato (con il relativo indirizzo ip di pubblicazione) per una eventuale azione legale.

RocketGarage Design. Powered by Blogger.