Titulo

High Voltage Harley


Dopo aver fatto la sua comparsa nel 2014 la Harley a deciso di mettere in produzione la "LiveWire", la prima moto elettrica del colosso Americano sarà disponibile entro 18 mesi.
L'ironia nell'annuncio di Harley è che proviene da una società che ha fatto la sua fortuna sui grossi e rumorosi motore bicilindrici e non certo eco-compatibili, che rende il tutto davvero un cambio epocale, ma oculato visto i dati di crescita dell'elettrico previsti dagli analisti.



La decisione arriva in un momento in cui il mercato delle moto elettriche è piccolo ma in crescita: in un rapporto 2016 , la società di ricerche di mercato TechNavio ha previsto una crescita del 45% nel settore delle motociclette elettriche entro il 2020. Questo contrasta con il crollo sempre maggiore della domanda motociclistica statunitense, con vendite al dettaglio in calo del 6,5% nel quarto trimestre del 2017; Le vendite complessive sono diminuite dell'11% nel quarto trimestre e dell'8,5% nell'anno, secondo i numeri pubblicati sulla chiamata.


Il direttore finanziario di Harley-Davidson, John Olin, ha dichiarato che la società spenderà 25 milioni di dollari a 50 milioni di dollari all'anno nei prossimi anni per la tecnologia delle motociclette elettriche. L'obiettivo è quello di essere il leader mondiale nel mercato delle motociclette elettriche.


Ma non tutti sono cosi ottimisti su questa cambio di rotta "Non penso che ci sia una via da seguire per Harley", afferma Kevin Tynan, un analista di Bloomberg Intelligence per l'industria automobilistica. "Gli investimenti in tecnologia saranno finanziati da un'azienda in via di estinzione e fondamentalmente stanno partendo da zero. O ci ripensano rimando fedeli alla loro natura per essere ciò che sono sempre stati o si trasformano e perseguono qualche strano modello di business della mobilità futura che non promette nulla, anche se fossero in grado di farcela. "

Noi restiamo convinti che questa tecnologia sia il futuro, ma ha motivo di esistere e evoluta per la mobilità urbana e non per la motociclette, che restano sempre dei prodotti emozionali e per ora l'elettrico non smuove niente all'interno dei motociclisti.

Forse tra qualche anno saremo ancora qui a mangiarci il capello per questa nostra affermazione , ma fino a quel momento noi ci godremo i nostri cancelli e forse resteremo piacevolmente colpiti se avremo la fortuna di provare la LiveWide


From https://www.bloomberg.com


















2 comments

  1. Non è vero che le moto elettriche "non smuovono niente all'interno dei motociclisti": ad esempio, per problemi di stitichezza...
    Domande: a che prezzo? Da 22.000 Euro passiamo a 28.000 in scioltezza (rileggasi intro); con che autonomia? 80 Km stile peanut tank? Batterie: costi di ricambio?
    Gli elettrodomestici lasciamoli in casa, per favore.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Non discuto nemmeno il prezzo, il fatto che guidare una moto è un'esperienza davvero particolare..ascoltare il motore per capire quando è il momento giusto per cambiare marcia, usare la frizione con metodo, Insomma un insieme di azioni che quest moto elettriche non regalano più. Se deve emozionale la moto questa non è la strada giusta . Invece per la mobilità urbana ,,che ti deve portare da un luogo all'altro , in odo veloce ed economico allora ben venga questa nuova tecnoogia

      Delete

La libertà di opinione verrà rispettata sempre, nei limiti della legalità. Qualora si ravvisino commenti offensivi ovvero in violazione di una qualsiasi normativa in vigore, il commento verrà cancellato ma conservato (con il relativo indirizzo ip di pubblicazione) per una eventuale azione legale.

RocketGarage Design. Powered by Blogger.