Titulo

Triumph TT301 Isle of man Edition



Motori a carburatori, ampia carenatura, colori decisi e grafiche che ricordano le moto di un recente passato, si ricordano tanto le moto anni 70 .
Iuri Castaldi di Iron Pirate Garage in questa Triumph TT301 , unisce in se tutti quegli aspetti delle moto di quell'epoca.



Il tre cilindri inglese è sempre una moto di carattere e ogni volta che ne trovo una è sempre un godimento.  
Vi avevo mostrato poco tempo fa le foto di questa moto ma ora che il fotografo Simone De Ranieri ha realizzato questo ottimo servizio, degno del lungo lavoro , Iuri ci ha lavorato per circa 15 mesi prima di finire il suo progetto, vi mostro con piacere queste immagini 


Il gruppo serbatoio/sella e composto da un unico elemento monoscossa , dove il serbatoio è stato ridimensionato sia il lunghezza che in altezza si 10 cm e il codone è saldato insieme ad esso per poi contenere al suo interno tutto l'impianto elettrico compreso la batteria al litio.


Parlando della batteria è stata potenziata perchè a freddo stentava visto il notevole rapporto di compressione che ora ha il motore dopo la cura di Vittorio Olivi 
Il motore  stato completamente smontato revisionato e migliorato nelle prestazioni , lavorando su pistoni e teste, ora sale di giri molto più velocemente e in maniera decisa e la voce che esce dagli scarichi SC è davvero un tuono.


La lista delle modifiche è molto lunga
La ciclistica è stata migliorata con  cerchi in magnesio oz racing, provenienti da un'Aprilia RSV R 
mentre le forcelle e piastre showa sono di derivazione 996 Ducati.
I freni ora adottano pinze brembo serie oro e pompe radiali, le pedane regolabili Accossato racing, anche i tronchetti, il comando del gas e i tubi freno e gli sfiati dei vapori olio e benzina
mono hyperpro frecce e tachimetro motogadget la sella è opera di Silvia di Westernbull mentre la verniciatura è di Riky Custom Painting


Alleggerito il forcellone con dei fori anche per l estetica  visto che il proprietario voleva,si una moto dall'aria vintage race, ma anche una moto molto rifinita da un punto di vista piu custom,l
Lui possiede gia'una Sportster 1200 che gli aveva realizzato Iuri  qualche anno fa' e ha dei gusti molto forti per quanto riguarda i colori.


La carenatura e'una vintage standard comprata in fiera, da li è stata tagliato, modificata  e rinforzata 
Queste moto scaldano e ancora di più dentro una carena...cosi è stato ripristinato l'impianto, creando una vaschetta di recupero più grande e installando un manometro di una 955i per tenere sotto controllo la temperatura.


La moto è stata  provata parecchio prima di consegnarla e va da Dio, un vero godimento sensitivo guidarla, appaga la vista e anche l'udito oltre che tutti gli altri sensi.


Il nome,ma tutto il progetto è un tributo a un grande eroe delle Road Race , quel Guy Martin che sull'Isle of Man ha dato spettacolo, chissà come sarebbe fare urlare questo motore per quelle strade con i muretti a fargli da camera acustica un vero spettacolo.
Chissà se il suo nuovo proprietario la porterà mai su quelle strade.






No comments

La libertà di opinione verrà rispettata sempre, nei limiti della legalità. Qualora si ravvisino commenti offensivi ovvero in violazione di una qualsiasi normativa in vigore, il commento verrà cancellato ma conservato (con il relativo indirizzo ip di pubblicazione) per una eventuale azione legale.

RocketGarage Design. Powered by Blogger.