Titulo

Fenati...fiato alle trombe



Tutti hanno parlato di Fenati e del suo divorzio dal team Sky . Visto che hanno parlato tutti anche io voglio dire la mia.
I piloti sono uomini e ogni uomo ha il suo carattere, non sempre perfetto...complice l'età che porta a delle intemperanza ecco che succedono queste cose.
Gestire le persone è un compito molto difficile e anche su questo aspetto evidentemente ci sono state delle pecche dalla parte del team.
Non so se i motivi tanto sbandierati in giro siano veri...credo ce sia un sbaglio parlare dell'episodio nello specifico.
Queste sono le repliche da ambo i lati ...




La prima replica alla notizia si è avuta da parte di Valentino che subito a caldo ha dichiarato

"Mi piacerebbe trovare le parole giuste, la considero una sconfitta, una battaglia perduta. Romano ha un grande talento e volevamo scommettere su di lui anche in futuro, ma abbiamo dovuto arrenderci”.“Non credo che possa tornare a correre con noi a Brno. Non è stata una scelta presa a cuor leggero e non penso che possiamo cambiarla. Speravamo di riuscire dove altri avevano fallito: volevamo tirare fuori il talento di Romano e farlo diventare un professionista. È andata diversamente”.




Questa è invece la controreplica da parte della manager del nonchè madre del pilota Sabrina Fenati

"A Zeltweg sabato 13 agosto non c'è stata alcuna lite furiosa piuttosto un confronto, a tratti sostenuto, tra me e Pablo Nieto (direttore sportivo team Sky VR46) all’interno dell’area hospitality dello Sky Racing Team VR46 sugli obblighi contrattuali a mio parere non adempiuti da parte del team.A questo incontro ne è seguito un secondo nell’ufficio privato dello Sky Racing Team tra me, Romano, Pietro Caprara (direttore tecnico team Sky VR 46), Pablo Nieto  e Alessio Salucci (Uccio) titolare del team, dove tra l’altro è stato nuovamente recriminato un mancato adempimento di obblighi, in realtà non previsti dal contratto, a Romano. Nessuno si è picchiato, nessuno ha tirato niente a nessuno.Al termine della riunione Romano ha appoggiato il pass sul tavolo in maniera energica, ma non l'ho tirato. La discussione è finita qui. Ripeto, non c'è stata alcuna furiosa lite, né spinta, né niente.Attendevamo da parte del team una nota esplicativa che non è arrivata – ha detto Sabrina Fenati – quindi abbiamo ritenuto corretto spiegare come si sono svolti realmente i fatti".

Non so se i motivi tanto sbandierati in giro siano veri...credo ce sia un sbaglio parlare dell'episodio nello specifico e chiedere solo il rispetto del contratto per lavorare alla salvaguardia del capitale professionale del pilota, perchè in una situazione del genere il primo che ne può subire danno è proprio il pilota.

Mi spiace che un talento...anche se incostante, debba vivere questa vicenda. Forse gli sarà utile per crescere professionalmente ..perchè a qui livelli si deve essere dei professionisti.
Lui non è il primo e credo che non sarà l'ultimo dei piloti nel mondo dei motori a pagare un atteggiamento troppo verace e poco accondiscendente.
Spero solo che il prossimo anno sia ancora in griglia a dare battaglia in gara, ma già altri team manager hanno gli hanno allungato la mano per aiutarlo.

La morale della storia è:  Meno chiacchiere e più manetta.

No comments

La libertà di opinione verrà rispettata sempre, nei limiti della legalità. Qualora si ravvisino commenti offensivi ovvero in violazione di una qualsiasi normativa in vigore, il commento verrà cancellato ma conservato (con il relativo indirizzo ip di pubblicazione) per una eventuale azione legale.

RocketGarage Design. Powered by Blogger.