Titulo

BMW Nine T





La Bmw per festeggiare i suoi 90 anni ha pensato di celebrare questo evento creando delle moto che ricordassero nello spirito e nella linea i modelli che l'hanno resa famosa e quindi dopo la collaborazione con Roland Sands che creato per loro la Ninety ora la casa bavarese produce una cafe racer di serie la Nine T .
La moto riproduce il concept che si era visto già un paio di anni fà onore a loro essere riusciti a conciliare esigenze di industrializzazione e design.
Gli elementi ci sono tutti dal faro tondo ai cerchi a raggi fino al monoposto e una forcella a steli rovesciati della sorella cattiva S1000RR oltre che un muscoloso motore da 1200cc raffreddato aria /olio che fa sentire la sua voce attraverso un tonante doppio scarico che si sviluppa sul lato sinistro . 
Le rifinitura sono degne di nota come ormai ci ha abituati la casa tedesca e per molti si preannuncia come una moto che può diventare compagna di strada anche perchè sono previsti una grande serie si accessori per poterla rendere comoda anche per caricare i bagagli .
 
   


















Io aspetto di vederla di presenza il prossimo gennaio al Motor Bike Expo voi invece avrete la possibilità di ammirarla all' Eicma che si svolgerà a Novembre.
Io cosi su due piedi non sento un battito al cuore , non mi ha ancora rapito ma forse questa moto e come quegli amori che nascono piano e poi divampano come incendi  


Bmw-motorrad.it 



3 comments

  1. Se mi è permessa una citazione: "Much Ado About Nothing". And i do mean n-o-t-h-i-n-g!
    Come ho scritto altrove, mi fa venire in mente la Legge di Stabilità di questi giorni. L'unica nota positiva, una forcella in grazia degli dei al posto della solita struttura.
    Centomila volte meglio la Bmw di R. Sand.

    ReplyDelete
  2. una citazione che calza a pennello. Tanto quanto la similitudine di questa NineT con MG Griso che non gode dello stesso clamore, pardon Ado.

    ReplyDelete
  3. Griso moto molto più di carattere e di stile per i parametri Guzzi ...molte volte mi ritrovo a pensarci in maniera quasi onirica .
    La special di Roland Sands anche se da me preferita a questa ha dei limiti per diventare un modello di serie oltre che a essere pignoli i volumi e le ergonomie rispetto al pilota mi sembra un striminzite ( vedasi codino )

    ReplyDelete

La libertà di opinione verrà rispettata sempre, nei limiti della legalità. Qualora si ravvisino commenti offensivi ovvero in violazione di una qualsiasi normativa in vigore, il commento verrà cancellato ma conservato (con il relativo indirizzo ip di pubblicazione) per una eventuale azione legale.

RocketGarage Design. Powered by Blogger.