Titulo

Charlie

 Come al solito tutto quello che viene prodotto con un vecchio 3 cilindri a carburatori trova sempre spazio nel mio garage e anche la Charlie di Nicola Martini ha seguito la stessa strada .
L'avevo notata lo scorso anno e a prima vista non mi fece innamorare , ancora oggi non mi strappa grida di gioia però se viene interpretata come moto facile e con personalità trova la sua collocazione .
Mr Martini ha intenzione di produrne un piccola serie vista facilità con cui si trovano i vecchi Sprint , la prima era nera e adesso questa .

10 comments

  1. Si, la versione serbatoio nero e telaio giallo c'era anche all'eicma di milano.... in effetti si dice che sia un serbatoio "Bonnie" riveduto e corretto.... ma a me sinceramente anche vedendola dal vero non sembrava....
    Per fare modifiche alle nostre T3 il problema principale è sempre il dannato tubone del telaio che non ci azzoppa con nessun tipo di serbatoio a meno che non te lo fai fare su misura (o ci metti quello del TBird).... e allora.... ciao !

    ReplyDelete
  2. Io quella nero/crema me la ricordo con una coda diversa. Il serbatoio non è un bonnie, però non mi ricordo più da dove l'aveva preso... Vado a casa e poi vi aggiorno.
    Comunque, così a me non dispiace; magari con i cablaggi messi un pò meglio, al pari delle bobine e tubazioni... Eppoi, a che prezzo?

    ReplyDelete
  3. Quella nera è uguale per il serba era un Bsa Goldstar 1963 in metallo , ma visto che ne vuole fare un piccola serie quellia seguire sranno di un altro materiale .
    Le bobine sono state volutamente messe li per scelta estetica ...prossimamente si aspetta l'arrivo di un versione R più sportiva partendo dalla Base di una Speed

    ReplyDelete
  4. Il prezzo potrebbe essere la nota dolente se si pensa a che prezzi stanno le vecchie Sprint .

    ReplyDelete
  5. Sì Rocky, hai ragione: le moto sono identiche, però il serbatoio pare di origine Royal Enfield, così è stato scritto.

    ReplyDelete
  6. Ho citato BSA , perchè ho letto BSA dove sta scritto ;-)

    ReplyDelete
  7. Ah! Royal.... ok, non male, ma a questo punto se dovessi osare metterei qualcosa in fibra per abbassare ulteriormente il peso.....
    si Orazio, comunque è vero.... oramai se un "preparatore" famoso punta..."un rottame" (chiamiamolo così e senza offesa) questo automaticamente, diventa "un pezzo raro" da non meno di 4000€ !!!!
    Roba de' matt.....

    ReplyDelete
  8. Usera il carbonio per alcune versioni , ma per 4000 euro secondo me non ci mette nenanche le mani fidati , il suoi 8mila li chiede tutti e a questo punto divente un mezzo furto

    ReplyDelete
  9. Ah ! No, no.... io intendevo che ce ne vogliono 4000 intanto per "comperarli" così come sono.... poi figurati dopo...
    Anche se poi lo sappiamo tutti che alcuni pezzi costano, e la mano d'opera di un professionista anche.... non è come farsela in casa ! :/

    ReplyDelete
  10. Massimo massino stiamo sui 2500 messa in ordina si marci dopo e da cretini pagare di più

    ReplyDelete

La libertà di opinione verrà rispettata sempre, nei limiti della legalità. Qualora si ravvisino commenti offensivi ovvero in violazione di una qualsiasi normativa in vigore, il commento verrà cancellato ma conservato (con il relativo indirizzo ip di pubblicazione) per una eventuale azione legale.

RocketGarage Design. Powered by Blogger.